Fatturazione Elettronica 2019

Secondo la Legge di Bilancio 2018 e il successivo provvedimento dell’Agenzia delle Entrate n. 89757 del 30/04/2018, dal 1° gennaio 2019 tutte le cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti dovranno essere fatturate in modalità elettronica utilizzando il Sistema di Interscambio nazionale (SdI).

Sarà quindi obbligatorio per le aziende emettere, trasmettere e ricevere le fatture esclusivamente in formato elettronico, con la conseguente necessità di adeguamenti organizzativi, gestionali e tecnologici. 

Il nostro software è già pronto per la preparazione alla trasmissione e ricezione del nuovo formato dei documenti, anche grazie al servizio di conservazione sostitutiva del nostro partner Entaksi. Contattateci per maggiori informazioni o per un preventivo di spesa per l'implementazione del progetto di attivazione.

Fatturazione Elettronica 2019

Secondo la Legge di Bilancio 2018 e il successivo provvedimento dell’Agenzia delle Entrate n. 89757 del 30/04/2018, dal 1° gennaio 2019 tutte le cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti dovranno essere fatturate in modalità elettronica utilizzando il Sistema di Interscambio nazionale (SdI).

Sarà quindi obbligatorio per le aziende emettere, trasmettere e ricevere le fatture esclusivamente in formato elettronico, con la conseguente necessità di adeguamenti organizzativi, gestionali e tecnologici. 

Il nostro software è già pronto per la preparazione alla trasmissione e ricezione del nuovo formato dei documenti, anche grazie al servizio di conservazione sostitutiva del nostro partner Entaksi. Contattateci per maggiori informazioni o per un preventivo di spesa per l'implementazione del progetto di attivazione.

Chiusura estiva 2018

Anche quest'anno, nella settimana centrale di Agosto, ci concederemo un breve periodo di ferie. I nostri uffici rimarranno chiusi da lunedì 13 agosto 2018 per tutta la settimana, riprendendo la regolare attività a partire da lunedì 20 agosto 2018. In caso di emergenza potrete  contattare Massimo Zurli via telefono al numero 3299274367 o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Riccardo Fini al numero  3290575623 o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Fatturazione Elettronica Firenze

Secondo la Legge di Bilancio 2018 e il successivo provvedimento dell’Agenzia delle Entrate n. 89757 del 30/04/2018, dal 1° gennaio 2019 tutte le cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti dovranno essere fatturate in modalità elettronica utilizzando il Sistema di Interscambio nazionale (SdI).

Sarà quindi obbligatorio per le aziende emettere, trasmettere e ricevere le fatture esclusivamente in formato elettronico, con la conseguente necessità di adeguamenti organizzativi, gestionali e tecnologici. 

Per illustrare tutte le novità ed i riflessi nell'operatività quotidiana delle aziende stiamo organizzando una serie di incontri informativi con gli utilizzatori dei nostri software, cui vi invitiamo fin da ora a partecipare. 

Primo incontro a Firenze Scandicci venerdì 22 giugno 2018 presso la sala riunioni dello showroom della Omocas, in Via delle Fonti alle ore 14:30 

Secondo incontro a Firenze, data da definire, nel mese di giugno

Eventbrite - Incontro informativo Fatturazione Elettronica - Firenze

Perche' passare a Start2?

L'aggiornamento al nuovo Software Start2 porta con se tutta una serie di miglioramenti e aggiornamenti sia nel software che nel modo in cui questo interpreta le mansioni quotidiane e quindi come interagisce e si cala nel vostro lavoro.

Nella pratica passare a Start2 permette di beneficiare di un'infinita serie di migliornamenti che si possono suddividere principalmente in due aspetti essenziali: la parte riguardante il database e la parte riguardante l'applicativo:

ILM Messe

Anche quest'anno il nostro software MobTab è utilizzato nello stand del marchio "Gianni Chiarini" alla Internationale Lederwaren Messe in programma ad Offenbach (Germania) dal 4 al 6 marzo 2017. Le principali aziende europee del settore della moda e pelletteria presentano la collezione del prossimo autunno/inverno, agli operatori del settore. Un appuntamento importante per cui abbiamo ulteriormente migliorato il nostro prodotto per la presentazione delle linee commerciali, i listini prezzi, le statistiche del clienti nelle precedenti stagioni. Al termine della manifestazione poi gli ordini, che possono essere immediatamente stampati, verranno trasmessi all'Ufficio Commerciale  centrale per essere verificati ed iniziare l'iter per la spedizione nei termini di consegna concordati.

La pagina ufficiale

Un passo in avanti

Proseguendo nel percorso di crescita, prudente ma costante, intrapreso dal nostro gruppo di lavoro, siamo arrivati al momento di aver bisogno di aumentare la capacità di lavoro. Essendo il nostro un settore particolare ed avendo stabilito negli anni un certo rapporto di fiducia con i nostri partner, la scelta è caduta su una persona con determinate caratteristiche sia di esperienza che di approccio al lavoro, che andassero nel solco di quanto fatto finora. Ecco perchè siamo sicuri che Maurizio Paggini, ingegnere elettronico, aretino come il resto del gruppo, saprà fare un ottimo lavoro e che in breve si farà ben volere per la sua serietà e competenza. In bocca al lupo Maurizio, benvenuto a bordo!

Spesometro2016

E’ ormai prossima la scadenza dell’invio all’Agenzia delle Entrate della comunicazione dei dati rilevanti ai fini IVA 2015 (Spesometro 2016). L’Agenzia delle Entrate ha fissato per il mese di aprile l’invio della comunicazione. Nello specifico:

  • 11 aprile per la comunicazione dei contribuenti mensili
  • 20 aprile per tutti gli altri.

Per la comunicazione 2016 non sono state introdotte novità dall’Agenzia, le informazioni ed il formato dei dati rimangono gli stessi dell’invio dei dati relativi al 2014. Vogliamo comunque ricordare che sono obbligati alla comunicazione tutti i soggetti passivi IVA che effettuano:

  • le cessioni di beni e prestazioni d servizi rese e ricevute per le quali sussiste l’obbligo di emissione di fattura;
  • cessione di beni e prestazioni di servizi per i quali non sussiste l’obbligo di emissione di fattura, qualora l’ammontare unitario delle stesse sia di importo pari o superire a € 3.600,00 al lordo dell’IVA;
  • operazioni in contanti legate al turismo effettuate nei confronti di persone fisiche di cittadinanza diversa da quella italiana e che comunque non facciano parte dell’Unione europea, di importo pari o superiore a € 1.000,00.

Più in generale sono oggetto della comunicazione le operazioni:

  • Imponibili
  • Non imponibili costituite da cessioni/prestazioni nei confronti degli esportatori abiatuali
  • Assimilate alle importazioni
  • Servizi internazionali o connessi a scambi internazionali
  • Esenti
  • Soggette al regime del margine
  • Reverse charge
  • Cessioni gratuite di beni
  • Autoconsumo

Sono invece escluse dalla comunicazione le operazioni:

  • Importazioni
  • Esportazioni (art.8 c.1 lettera a e b)
  • Cessione di beni o prestazioni di servizi effettuati con operatori di paesi inclusi in Black List
  • Operazioni intracomunitarie
  • Operazioni fuori campo IVA
  • Operazioni che sono già oggetto di comunicazione all’anagrafe tributari (luce, gas, telefono)

Attività operativa

I nostri uffici sono aperti tutti i giorni lavorativi dalle 8:30 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 18.30. Potete contattarci telefonicamente allo 0575984910 o in alternativa al 3290575618, oppure inviando una e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

In caso di necessità fuori dagli orari di lavoro ordinari potete contattare Massimo Zurli al 3299274367 oppure Riccardo Fini al 3290575623. Vi ricordiamo anche i contatti e-mail

- Riccardo Fini: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

- Grazia Massi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

- Simone Olianti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

- Massimo Zurli: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Reverse Charge

L’Agenzia delle Entrate ha rilasciato circolare interpretativa della norma, portando finalmente un po’ di chiarezza nella vicenda. Il reverse charge per consolle da gioco, tablet, Pc e computer portatili si applica soltanto nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio. Pertanto, le cessioni agli utilizzatori finali sono soggette alle regole ordinarie, anche nel caso in cui la cessione avvenga nei confronti di un soggetto titolare di partita Iva. Questa precisazione è contenuta nella circolare 21/E emanata ieri dall’agenzia delle Entrate.
Tenendo conto anche delle indicazioni fornite dalla Comunità europea, la nuova formulazione della norma prevede l’applicazione del reverse charge alle cessioni di console da gioco, tablet Pc e laptop (computer portatili), nonché alle cessioni di dispositivi a circuito integrato, quali microprocessori e unità centrali di elaborazione, effettuate prima della loro installazione in prodotti destinati al consumatore finale. Pertanto, per la categoria dei pc, continuerà ad applicarsi il regime Iva ordinario con la sola eccezione delle cessioni di tablet pc, ovvero tablet dotati di sistemi operativi che li fanno funzionare come computer e laptop, ovvero pc portatili. La circolare precisa che per la corretta individuazione dei nuovi beni soggetti alla inversione contabile si deve fare riferimento al codice di nomenclatura combinata.
Alcuni problemi interpretativi si erano presentati nel delineare l’ambito soggettivo della norma. Come noto, l’applicazione del meccanismo del reverse charge comporta che il destinatario della cessione, se soggetto passivo d’imposta, è obbligato all’assolvimento dell’imposta, in luogo del cedente. In passato, la circolare 59/E/2010, emessa in seguito all’entrata in vigore del reverse charge su cellulari e microprocessori, aveva precisato che il regime del reverse charge Iva si applicava solo fino alla fase immediatamente precedente al commercio al dettaglio. Il dubbio sorto riguardava la possibilità di considerare valida questa precisazione anche al caso in esame. La circolare di ieri chiarisce questo dubbio confermando quanto già detto in passato.
Dunque, ad esempio, un commercialista che acquista un tablet da utilizzare nella propria attività, trattandosi di una vendita fatta nella fase del dettaglio, sarà soggetta all’applicazione l’Iva ordinaria. Al contrario, nel caso di cessione di un tablet nei confronti di un soggetto passivo intenzionato a rivenderlo, questa sarà soggetta ad inversione contabile; questa fattispecie si presenta, ad esempio, quando il commercialista fattura al rivenditore il tablet o il computer portatile usato.
Niente sanzioni per violazioni del reverse charge commesse prima dei chiarimenti forniti dalle Entrate.
La circolare 21/E fa salvi i comportamenti difformi adottati prima dell’emanazione del documento di prassi (25/5/2016).

Mipel_2016

mipel bag showAnche nella più recente edizione del Mipel siamo stati presenti con il nostro sistema di raccolta ordini MobTab presso lo stand della griffe "Gianni Chiarini". Un sistema collaudato (in funzione da ormai tre anni) per la consultazione del catalogo , listini e book fotografico attraverso la lettura del codice a barre, per velocizzare l'inserimento degli ordini da stampare immediatamente per la firma del cliente. Pur operando anche senza la connessione Internet è un'estensione del sistema gestionale aziendale dal quale acquisisce le anagrafiche (clienti, recapiti di consegna, articoli, listini) e nel quale registra gli ordini.

Area Riservata

Utenti Online

Abbiamo 14 visitatori e nessun utente online

Contatto

Privacy policy nella sezione "Privacy e GDPR"
Email:
Subject:
Message: